Rigenerazione Ossea

Rigenerazione ossea a cosa serve?

Approfondimento su cos è la rigenerazione ossea e la correlazione che vi è con gli impianti dentali.

Impianti dentali, il fine ultimo della rigenerazione ossea.

La perdita di alcuni denti o magari dell’intera arcata è vissuto dal paziente come un trauma. Parliamo della qualità della sua vita, del suo modo di stare con gli altri e anche di come percepisce se stesso. Questo può capitare in presenza di grossi traumi, magari per un incidente stradale.

Non è sempre possibile intervenire per ripristinare il sorriso del paziente con l’osso a disposizione, si parla di rigenerazione ossea tutte le volte in cui si ricorre a una tecnica chirurgica per aumentare il volume dell’osso in presenza di una situazione di carenza.

Il fine ultimo nell’utilizzo di questa tecnica è quello di poter successivamente installare un impianto dentale che assicuri il corretto ripristino del sorriso e della masticazione del paziente stesso.

Vediamo ora nel dettaglio alcune cause relative alla perdita di osso.

In presenza di una lesione causata magari da un tumore o una ciste, il paziente può vedere compromessa in parte la capacità rigenerativa dell’osso.  Un evento traumatico, un incidente di macchina, un trauma può causare una sostanziale incapacità di rigenerare la parte di osso compromessa.

La perdita di osso può anche essere causata dall’utilizzo di una protesi mobile utilizzata magari per un periodo di tempo piuttosto lungo.

Tecniche per aumentare il volume dell’osso

In presenza di queste problematiche, le tecniche più utilizzate per riuscire ad aumentare il volume dell’osso e consentire un inserimento successivo di un impianto dentale sono le seguenti:

  • Utilizzo di innesti di provenienza autologa. In pratica vengono porzioni di osso provenienti dallo stesso paziente.
  • Utilizzo di innesti di provenienza omologa, in pratica porzioni di osso prelevati da persone decedute.
  • Utilizzo di innesti di carattere eterologo. Parliamo di porzioni di osso prelevate magari da bovini.
  • Utilizzo della tecnica della rigenerazione ossea. In questo caso vengono utilizzate porzioni di osso autologo o eterologo e anche di membrane.

Quali sono i limiti nell’utilizzo della tecnica della rigenerazione ossea?

Parliamo di interventi di natura chirurgica che hanno una carattere invasivo, oltre a prevedere dei tempi di riabilitazione molto lunghi. Inoltre i costi in termini economici  per il paziente sono notevolmente elevati.

L’utilizzo di una tecnica come quella della rigenerazione ossea è legata esclusivamente alla carenza di osso per consentire l’innesto di un impianto dentale. Negli ultimi anni si stanno cercando delle soluzioni alternative per garantire al paziente osso sufficiente per consentire gli innesti.

In ogni caso, se il paziente presenta una carenza di osso legata a fattori specifici è sicuramente consigliabile utilizzare l’osso residuo del paziente.

 

Contattaci